Studenti Universitari, green pass?

Il Consiglio dei Ministri ha disposto che a settembre il lasciapassare diventi obbligatorio anche per gli studenti universitari.Si tratta di.

Il Consiglio dei Ministri ha disposto che a settembre il lasciapassare diventi obbligatorio anche per gli studenti universitari.
Si tratta di uno strumento che pone di fatto una discriminazione tra la popolazione, dividendola tra vaccinati e non vaccinati.

Cerchiamo di capire quali sono le azioni giudiziarie da intraprendere per contrastarlo e come possono difendersi da eventuali sanzioni i cittadini che ne sono privi.

Riteniamo che la strada principale che i magistrati italiani debbano seguire sia quella della disapplicazione della norma italiana che ha istituito il lasciapassare Covid, perché contrastante con quella che ha introdotto l’omologo strumento a livello comunitario.

Il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio prevede, infatti, che il green pass europeo non possa essere uno strumento limitativo della libertà di circolazione.
Per il principio del primato del diritto comunitario su quello di un singolo Stato membro, quando una norma di quest’ultimo contrasta con quella comunitaria, la norma dello Stato membro va disapplicata dai giudici, dando così prevalenza alla norma dell’Unione europea.

Anche i docenti contro il green pass

I docenti che hanno firmato la petizione contro il green pass all’università ci tengono a specificare che la loro non è una presa di posizione contro il vaccino, tant’è che molti dei firmatari hanno liberamente scelto di sottoporsi alla vaccinazione anti Covid convinti della “sua sicurezza ed efficacia”.

A non piacere ai docenti è il modo in cui il Governo sta spingendo sulle vaccinazioni, imponendo l’obbligo del green pass per accedere a determinati servizi, università compresa.

Secondo i professori universitari – sono più di 300 coloro che hanno firmato la petizione ma questo numero è destinato a salire nelle prossime ore – una tale decisione ha una natura discriminatoria in quanto va contro a quello che è il principio alla base dell’università.

Si legge nell’appello che preannuncia la petizione, infatti, che storicamente l’università è un “luogo d’inclusione” e per questo non è opportuno introdurre delle forme di esclusione e di penalizzazione per studenti, docenti e personale tecnico-amministrativo.

I professori ritengono che la decisione del Governo presenti delle caratteristiche d’incostituzionalità: si ricorda, infatti, che l’articolo 32 della Costituzione stabilisce che “nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge” e che nel contempo “la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.

Inoltre, anche il Regolamento UE 953/2021 difende chi è senza vaccino: qui, infatti, si legge che “è necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono state vaccinate per diversi motivi o che hanno scelto di non essere vaccinate”.

Pur non essendo – almeno non tutti – contrari a priori al vaccino, i firmatari pretendono una tutela – come tra l’altro riconosciuto dalla legge – per coloro che hanno deciso di non sottoporsi alla vaccinazione. Cosa che invece non avviene con il green pass, in quanto in questo modo la società italiana “si suddivide in cittadini di Serie A – che continuano a godere dei propri diritti – e in cittadini di Serie B, i quali vedono invece compressi quei diritti fondamentali garantiti loro dalla Costituzione”.

Cosa fare?

Contattaci

Seguiteci anche sui social
error4
Tweet 20
fb-share-icon20

This article was written by codiciumbria

La Storia "CODICI" Centro per i Diritti delCittadino, è un'Associazione di cittadini impegnata ad affermare, promuovere e tutelare i diritti dei cittadini con particolare riferimento alle persone più indifese ed emarginate. Nasce 1987 come CO.DI.CI. e si afferma nel 1993 come coordinamento di associazioni per la tutela dei diritti del cittadino, nel 1998 scioglie la sua struttura confederativa e si trasforma nell' Associazione CODICI centro per i diritti del cittadino, quale associazione impegnata ad affermare i diritti dei cittadini consumatori, senza distinzione di classe, sesso, credenza religiosa e appartenenza politica. Un'attività presente in modo capillare sull'intero territorio nazionale. l'Associazione, infatti, con le sue sedi regionali e provinciali, si caratterizza per il contatto diretto che cerca di creare con i cittadini, al fine di cogliere le reali necessità ed offrire soluzioni concrete. CODICI è: Organizzazione non lucrativa di utilità sociale, ONLUS, il cui scopo è quello di intraprendere ogni attività culturale, politica e giuridica tesa alla promozione, all'attuazione e alla tutela dei diritti del cittadino Associazione Nazionale di Promozione Sociale, riconosciuta presso il Ministero del Welfare, e intraprende tutte quelle azioni che favoriscano l'affermazione di una società democratica e solidale, per la diffusione della cultura, della legalità e del diritto alla cittadinanza. Associazione Nazionale di Consumatori ed Utenti, riconosciuta presso il Ministero delle Attività Produttive; promuove e favorisce una politica di tutela e di informazione in favore dei consumatori. Associazione nazionale antiusura e antiracket, riconosciuta dal Ministero dell'Interno e si prodiga nell'assistenza e solidarietà ai soggetti danneggiati da attività estorsive e dall'usura. GLI STRUMENTI Il CODICI si avvale di variegati strumenti per offrire un servizio utile ai cittadini: lo sportello, presente in tutte le sedi, cui i cittadini possono rivolgersi per segnalare violazioni di diritti, ricevendo un'informazione diretta da parte di operatori specializzati; l'ufficio legale, cui afferiscono i cittadini che hanno subito vessazioni e ingiustizie da parte delle istituzioni pubbliche o private, ricevendo tutela giudiziaria e stragiudiziale; i gruppi territoriali, persone che si confrontano periodicamente sulle problematiche locali ed elaborano azioni di tutela per i cittadini; il Centro Studi, formato da personale qualificato che attraverso dei gruppi di lavoro permanenti analizza ed elabora strategie di intervento in risposta a diversi fenomeni di disagio sociale; l'ufficio stampa organizza conferenze, convegni, e, attraverso una costante attività di monitoraggio e redazione, interagisce con gli organi di informazione e stampa. 

error

Ti piace questo blog? Per favore spargi la voce :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: